L’OCT

La Tomografia ottica a coerenza (OCT) è una metodica diagnostica che permette di ottenere immagini in sezione delle strutture dell’occhio.

Lo strumento funziona proiettando raggio luminoso coerente a bassa potenza sulla struttura esaminata e analizzando i riflessi che ne derivano. Il ritardo di fase del raggio che ha attraversato i tessuti permette di definire la posizione delle strutture esaminate con una risoluzione che può raggiungere i 5 micron.    

CAMPO DI APPLICAZIONE

L’OCT puo essere utilizzato per analizzare la retina, il nervo ottico e la cornea

OCT DELLA RETINA

OCT in Corioretinopatia sierosa centrale

OCT in Corioretinopatia sierosa centrale

L’analisi della retina è la prima applicazione dell’OCT in oculistica. Con i moderni OCT spectral domain la velocità di acquisizione e la risoluzione delle immagini prodotte hanno raggiunto livelli molto elevati, permettendo di visualizzare i singoli strati di cellule e di associare in tempo reale altre metodiche di analisi (angiografia, retinografia confocale).   L’OCT permette di diagnosticare o di acquisire informazioni ulteriori rispetto all’esame clinico in un ampio numero di malattie della superficie retinica (pucker, foro maculare), della struttura retinica (edema maculare, retinopatia diabetica) e sottoretinica (degenerazione maculare senile, sollevamenti sierosi)

OCT DEL NERVO OTTICO

OCT_RNFL

Con l’OCT si può eseguire un’analisi della testa del nervo  ottico, della sua escavazione, dello spessore delle fibre nervose che ne emergono nei diversi quadranti, come valutazione dello stato di salute della papilla in caso di glaucoma, e seguire le modifiche nel tempo.

OCT DELLA CORNEA

L’OCT permette di ottenere scansioni della cornea e di misurarne lo spessore nei diversi punti.  Alcuni strumenti permettono anche di visualizzare l’angolo della camera anteriore, di misurarne l’ampiezza e di analizzare le strutture dell’angolo.

OCT_cornea_norm

 

Lascia un commento